carpifc.com

Official Website

Castori: “Bologna grande realtà, siamo concentrati”

CARPI – Queste le dichiarazioni di Fabrizio Castori rilasciate nella conferenza stampa alla vigilia di Bologna-Carpi.

“Affronteremo una squadra molto forte che con l’arrivo di Donadoni ha fatto meno punti solo delle grandi. C’è un giusto mix di giovani e calciatori più esperti, gioca un calcio veloce e propositivo. L’avversario è degno del nostro massimo rispetto, al di là che sia un derby, una partita con un fascino particolare a cui tengono anche i tifosi.”

“Pressioni particolari? Noi tutte le settimane ci prepariamo al meglio, sempre col massimo impegno. Forse è la risonanza che c’è nell’ambiente che fa la differenza. Per quanto ci compete abbiamo lavorato come le altre settimane. Sappiamo che dobbiamo recuperare posizioni in classifica e dobbiamo impegnarci molto affinché questo avvenga, ma ciò non deve distogliere l’attenzione dalla realtà quotidiana e dall’impegno domenicale.”

“Voglia di ripetere l’impresa di un anno fa? La partita al Cabassi della stagione scorsa è stata importante per avvicinarci di molto alla promozione, ma è un capitolo chiuso. Ora Donadoni ha dato un’impostazione diversa alla squadra, costruita con tanti giovani di qualità scelti benissimo da Corvino. Stanno dimostrando con i fatti di essere una bella realtà, con una società forte alle spalle che può solo crescere ulteriormente. Il coefficiente di difficoltà è altissimo, ma siamo concentratissimi e sappiamo di dover cercare di fare punti tutte le settimane contro qualsiasi avversario.”

“Mi aspetto una partita veloce: anche loro, come noi, giocano molto in profondità. Sarà una gara impegnativa e stressante sotto l’aspetto fisico, con dei ritmi alti. Bisognerà correre molto.”

“Ogni partita va giocata, perché si corre il rischio di rimanere delusi: a volte si crede che una partita sia facile e poi non lo è, invece un incontro impossibile può diventare fattibile. Nel calcio, e soprattutto in Serie A, le gare sono tutte difficili perché si trovano squadre attrezzate tecnicamente, tatticamente e sotto l’aspetto fisico. Speriamo anche in qualche risultato negativo delle dirette concorrenti per recuperare un po’ di terreno nella lotta per la salvezza.”

Mancosu e Crimi? Sono molto sereni, com’è giusto che sia. A me non piace caricare di responsabilità solo uno o due giocatori, anche perché si rischia un effetto boomerang. La squadra deve scendere in campo e tutti devono dare il loro contributo massimale, senza vivere la partita con un eccesso di nervosismo.”

Contro l’Atalanta ci è mancato qualcosina sotto l’aspetto del ritmo. Abbiamo fatto una buona gara tatticamente, potevamo fare qualcosa in più a livello di intensità e di aggressività, ma non ho visto nervosismo e paure. E’ chiaro che la normalità ora non ci basta, perché serve fare cose straordinarie nella nostra situazione.”

Questo sito utilizza i cookie per semplificare e migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi