carpifc.com

Official Website

Castori: “Calendario difficilissimo, Roma motivata”

CARPI – Queste le parole dell’allenatore Fabrizio Castori, durante la conferenza stampa alla vigilia della partita contro la Roma.

“Contro Fiorentina e Napoli abbiamo disputato due ottime gare. Sono contento delle prestazioni con le quali potevamo ottenere più punti ma prendiamo quello che è arrivato, perchè ormai guardare indietro non serve a nulla. C’è rimasta la convinzione che possiamo fare risultato anche al cospetto di squadre forti. Andiamo a Roma con questo spirito. Le partite vanno sempre giocate, non si parte già battuti”.

“Sicuramente la Roma vorrà fare risultato, come anche noi. È normale che per loro quella con noi è una partita solo da vincere. Hanno perso già con la Sampdoria, sono in ritardo in classifica. Questo aumenterà la loro concentrazione e la voglia di fare risultato. Però credo poco alle poesie nel calcio, tutti i discorsi lasciano il tempo che trovano. In campo le squadre si affronteranno sempre con il massimo impegno e ognuno con le proprie armi cercherà di giocare al meglio delle proprie possibilità. È sempre il campo che dà il verdetto”.

“I calci piazzati? Con il Napoli siamo andati vicini al gol varie volte, con Romagnoli, Bubnjic e verso fine gara con Zaccardo. L’importante è arrivare a prendere il pallone, poi pian piano arriverà la precisione e saremo più incisivi anche su queste situazioni”.

“Non ci possiamo paragonare alla Roma che, a prescindere dalla costanza, è una squadra di grande qualità. Dobbiamo pensare a noi, fare una partita di grandissima concentrazione, intensità e umiltà. Giocare da squadra, come abbiamo dimostrato di saper fare, ma anche con la convinzione di poter uscire con un buon risultato dal campo, perchè i complimenti senza i punti lasciano il tempo che trovano. Anzi, a volte fanno arrabbiare ancora di più. Dobbiamo credere che ce la possiamo fare. Ma se non c’è il sacrificio, viene meno la possibilità di colmare il gap tecnico con le grandi squadre”.

“Un bilancio di queste prime gare? Sono soddisfatto perchè vedo una crescita della squadra. Il calendario per noi è stato difficilissimo. Abbiamo affrontato tutte le big tranne Juve e Milan. Ci è servito anche per crescere sotto l’aspetto mentale, per capire che possiamo farcela anche contro questi squadroni. Prendiamo di buono quello che abbiamo fatto, ora il calendario ci riserverà partite non dico facili, ma almeno contro avversari della nostra dimensione. La classifica è molto corta, le squadre che lottano per la salvezza sono ad un punto da noi. Non dobbiamo perdere il coraggio, evitare di deprimerci. Pensiamo a crescere, a far bene e credere in quello che facciamo”.

“Siamo gli unici ad aver segnato all’Inter, fino alla scorsa gara eravamo sesti per tiri in porta. Abbiamo dei numeri che ci danno fiducia”.

“Giocare contro Totti? È un onore giocare contro di lui, una cosa che fino a qualche anno fa non pensavo nemmeno. E’ un grande campione, già nella storia del calcio italiano”.

Questo sito utilizza i cookie per semplificare e migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi