carpifc.com

Official Website

Castori: “Continuo a vedere progressi”

CARPI – Queste le parole dell’allenatore Fabrizio Castori in sala stampa al termine dell’amichevole contro lo Shakhtar Donetsk.

“La vittoria di stasera? Io valuto la prestazione,  che è stata sicuramente ottima. Ho cercato di mettere in campo molti ragazzi che avevano bisogno di minutaggio. E’ stata anche una verifica per me per valutare quelli che sono stati i giocatori che fino ad adesso ho impiegato di meno. Sono soddisfatto per i progressi che abbiamo fatto registrare già dalla partita con l’Inter. La squadra si sta assestando come mentalità, come modo di stare in campo e questa è la cosa che mi riempie di soddisfazione. Il risultato aiuta perché comunque è stata una partita vera, tra due squadre di qualità”.

“Le assenze? Non mi piace parlare di emergenza. Non esistono titolari e riserve, ci sono 36 partite da affrontare, l’importante è che chiunque entri in campo faccia bene la sua partita. Il campionato è lungo e le assenze non saranno degli alibi. E’ giusto avere una rosa ampia, l’importante è che tutti siano in condizione e quando vengono chiamati diano il loro contributo”

“I nuovi? Sono abbastanza soddisfatto, senza fare troppi distinguo. La squadra è cresciuta di personalità e mentalità e questo conta. Distinzioni tra nuovi e vecchi non ne faccio più, conta chi va in campo e il modo di giocare”

“Siamo migliorati nella ripresa? Abbiamo creato delle opportunità anche all’inizio della gara, ma non le abbiamo concretizzate. Poi siamo riusciti a segnare alla fine con Lasagna. Non ho visto grosse differenze tra i primo e il secondo tempo, inoltre di fronte avevamo una signora squadra come lo Shakhtar, pericolosissima nelle ripartenze”.

“Lollo e Fedele? Sono importanti come lo sono gli altri. Loro danno un gran contributo in quanto ad intensità e fisicità in mezzo al campo, cosa importante per una squadra che gioca come noi. E’ anche vero che ci sono delle alternative perché è impensabile che si possa far un campionato solo con questi due giocatori”.

“Martinho? E’ un giocatore più offensivo, sta facendo bene nella linea a 5. E’ importante che dia una mano anche in attacco, cercheremo di trovare gli equilibri in base ai suoi movimenti sulla fascia”.

“Zaccardo e Boriello? Sono arrivati l’altro ieri, è presto per dare un giudizio. Dobbiamo andare cauti con loro nel processo di integrazione e di recupero della condizione, poi pian piano saranno inseriti. Non dobbiamo commettere l’errore di avere fretta perché rischierebbero di incappare in un infortunio”.

“Gli altri infortunati? Gagliolo ha un affaticamento, l’ho tenuto a riposo perché non serviva a nulla rischiarlo. Romagnoli e Mbakogu sono in via di miglioramento, il tempo gioca a loro favore”.

“Il momento dopo l’espulsione? Mi sono adoperato per  riportare la calma, loro volevano andar via. Anche noi non condividevamo il rigore, ma l’abbiamo accettato e siamo stati zitti. D’altronde se dovessimo uscire dal campo per ogni errore arbitrale, le partite non finirebbero mai”.

“I gol? L’importante è essere svegli in campo. Abbiamo fatto due bei gol, sono contento. Vincere recuperando il risultato vuol dire che si ha convinzione e forza, cosa che abbiamo dimostrato anche contro l’Inter”

Questo sito utilizza i cookie per semplificare e migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi