carpifc.com

Official Website

Castori: “Contro un Bari fortissimo dovremo tenere il ritmo alto”

CARPI – Le dichiarazioni di mister Fabrizio Castori nella conferenza stampa alla vigilia di Bari-Carpi:

“Dopo la gara con l’Avellino ho fatto i complimenti alla squadra per la prestazione. Non bisogna perdere fiducia e convinzione perché la strada giusta è questa. A volte nel calcio i risultati non arrivano subito ma bisogna rimanere tranquilli e non andare a cercare chissà cosa. Abbiamo lavorato molto bene in settimana aumentando i carichi, con la serenità giusta”.

“La visita del patron Bonacini a inizio settimana? Ci ha fatto molto piacere la vicinanza della società, ci ha gratificato perché quando una squadra esce dal campo avendo dato tutto è giusto riconoscerne impegno e sacrificio. Ci ha detto di non demoralizzarci, insistere e continuare su questa strada”.

“Le difficoltà del Bari? Penso solo alla mia squadra, ognuno ha i suoi problemi. Io ho cercato di tenere alta la concentrazione nel lavoro quotidiano senza parlare del Bari. Dell’avversario ci possiamo interessare fino a un certo punto perché quello che conta è quello che facciamo in campo”.

“Ritrovare Sogliano da avversario? Non voglio parlare dei dirigenti del Bari, la partita si deve giocare in campo e non mi interessano altri discorsi”.

“Il Bari è una squadra forte, per me Brienza è il giocatore più forte della Serie B e con lui Maniero e De Luca, sono tutti giocatori forti. Dobbiamo prendere le giuste contromisure, correre tanto e tenere alto il ritmo perché è una nostra prerogativa. E’ importante imprimere il nostro ritmo alla gara”.

“Il gruppo sta bene, anche Struna e Poli hanno recuperato al meglio dopo gli acciacchi della scorsa settimana. Sono indisponibili solo Jawo e lo squalificato Crimi”.

“La serenità non l’abbiamo mai persa, un campionato è lungo 9 o 10 mesi e come in ogni attività ci sono momenti più o meno difficili. Ma è normale amministrazione e non abbiamo mai vissuto nervosismi particolari. Abbiamo fatto grandi partite raccogliendo meno di quello avremmo meritato, senza vittimismo e piangerci addosso ma continuando a lavorare come stiamo facendo”.

“Colantuono? Abbiamo un bel rapporto, è romano ma ormai marchigiano di adozione, è stato una bandiera della Maceratese e io del Tolentino quindi ci conosciamo da tanti anni. E’ un tecnico bravo e preparato, che incide sulla sua squadra anche a livello caratteriale, quindi sappiamo che troveremo un avversario tosto”.

Questo sito utilizza i cookie per semplificare e migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi