carpifc.com

Official Website

Porcari: “Fiducioso per il miracolo salvezza”

CARPI  – Queste le dichiarazioni rilasciate oggi in conferenza stampa dal centrocampista biancorosso Filippo Porcari:

“Stiamo preparando molto bene la partita. Sappiamo che quella col Frosinone sarà una gara importante, ma non è un’ultima spiaggia: dovremo affrontarla col piglio giusto perché trovando i tre punti ci troveremmo a ridosso della zona salvezza. Giocando da Carpi potremo portare a casa l’intera posta in palio”.

“Fondamentalmente non sono mai andato via da qui. In estate non c’erano le condizioni per rimanere, ora sono tornato e sono felice di far parte di questo gruppo, una famiglia. Anche se non sto giocando, sono contento perché devo molto a questa società, all’allenatore, alla città. Qui è come se fossi a casa. Speriamo di portare a casa la salvezza, che sarebbe un altro bel miracolo come quello dell’anno scorso”.

“Al mio ritorno qui ho pagato un po’ la differenza di preparazione atletica rispetto al lavoro che ho fatto a Bari. Ora mi sento bene e, se dovessi essere chiamato in campo, mi farei trovare sicuramente pronto: giocherò col sangue agli occhi perché, anche se ho 31 anni, ho ancora tantissima fame. Non dovessi giocare, mi siederò in panchina e farò il tifo per i miei compagni, come ho fatto fino ad adesso”.

“Sapevamo che il campionato avrebbe avuto queste difficoltà. La Serie A è dura, così come difficile è stato vincere la Serie B. Gli ultimi 3 pareggi sono stati ottimi, perché ci hanno consentito di dare continuità ai risultati e di trovare una certa solidità difensiva. Col Frosinone dovremo osare un po’ di più ma senza rischiare di perderla: sarà importante vincere, bisogna partire forte e non lasciarli respirare fin dal sottopassaggio. Poi mancano 10 partite, ci sono ancora 30 punti in palio e siamo arrivati a questo punto nella condizione giusta. Ora dipende da noi”.

“Il Frosinone è una squadra compatta, ora è in uno stato di forma importante ma noi non siamo da meno. Se metteremo in campo la nostra mentalità e le nostre peculiarità possiamo vincere. Dobbiamo fare la corsa su noi stessi, cercando di fare più punti possibile da qui alla fine. Il futuro dipende solo da noi. Adesso abbiamo trovato la nostra quadratura e bisogna iniziare a marciare più forte”.

C’è lo spirito giusto, ci stiamo allenando bene, sacrificandoci durante la settimana. Diamo sempre il 110%, chi è andato in campo finora ha sempre fatto benissimo. A Bologna abbiamo strappato un pareggio importante, siamo stati una delle poche squadre a non subire gol al Dall’Ara. Arriviamo allo scontro diretto di domenica con la mente libera, senza pensieri”.

“Faremo una partita di spessore, difficilmente sbagliamo queste gare. Spero che venga tanta gente allo stadio, che il pubblico ci dia una mano. Stiamo tutti bene, sia mentalmente che fisicamente. Sappiamo tutti cosa vorrebbe dire rimanere in Serie A, sia per la società che per noi: sono talmente convinto del lavoro che facciamo che sono fiducioso per il raggiungimento della salvezza”.

I nostri attaccanti? Non li cambierei per niente al mondo. Conosco la loro forza e farei di tutto, correrei anche 120 minuti per loro”.

Questo sito utilizza i cookie per semplificare e migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi