carpifc.com

Official Website

Riolfo: “Vigilia importante, si alza l’asticella”

CARPI – Le dichiarazioni di mister Giancarlo Riolfo alla vigilia di Carpi-Cesena:

“Per noi è una vigilia importante, il campionato è l’obiettivo primario e ora si alza di più l’asticella dell’attenzione, comunque già tastata in Coppa Italia contro due avversari di Serie B. Il Cesena l’ho studiato con i ragazzi, è una squadra gagliarda, con ottime individualità e un suo stile di gioco”.

“I primi giorni di ritiro non sono stati semplici, c’erano tanti ragazzi con tanti dubbi in testa. Ho parlato con il direttore di questa situazione, che penso sia normale perchè una retrocessione lascia sempre nell’animo sconforto e tante scorie. L’atmosfera piano piano è cambiata, si è creata più confidenza ed è arrivata quella serenità che si è già trasferita in campo e nelle partite finora giocate. In Coppa abbiamo dimostrato di avere idea e identità, pur sapendo che ci sono errori da limare per migliorare e avere fiducia. L’inizio di campionato sarà un banco di prova importante. Sono convinto che abbiamo armi di ottimo valore e sento che c’è voglia di migliorarsi da parte di tutti”.

“Pezzi? É un giocatore intelligente, che sa stare in campo e ha visione di gioco. È rimasto stupito all’inizio perchè non è un play classico, ma ha le caratteristiche giuste per giocare in quel ruolo. Inoltre ha la giusta autocritica. Se serve, può sempre tornare a giocare in difesa. Vano? I gol danno autostima e lui è un ragazzo con una forza incredibile”.

“Nobile e Rossini? Il ruolo del portiere è sempre particolare, dipende da fattori fisici e psicologici. Stiamo valutando e vediamo domani. Ho le idee chiare su come affrontare la partita e su chi sono i migliori interpreti”.

“Saric? Può fare quasi tutti i ruolo del centrocampo e dell’attacco, ma deve imparare a farlo. Volevo provarlo e consolidarlo da trequartista dato che non l’aveva mai fatto”.

“Biasci è un Arrighini più giovane: ha gamba, attacca la profondità e ha un po’ meno esperienza a questi livello perchè è un ragazzo giovane. Biasci sta bene fisicamente, è pronto per giocare in quanto ha fatto per intero due gare da titolare in Coppa Italia con la Carrarese”.

“Non rinneghiamo il periodo degli ImmortAli di Castori. Sono stati momenti indimenticabili, per i quali ho grandissima stima. Il gioco ora lo facciamo dal basso, però vale anche andare in verticale a seconda delle situazioni. A me interessa essere efficace, non bello da vedere”.

“Jelenic? Ha potenzialità fuori categoria per la C. Spero che rimanga, intanto da quando sono arrivato si è messo totalmente a disposzione, sta crescendo ed è un riferimento per i compagni”.

“Carta? Sta facendo ciò che mi aspettavo da lui. È un centrocampista che sa giocare lungo o corto e sostiene la manovra con Pezzi. Le palle da fermo le sta battendo quasi solo lui. La verità è che mi stanno soddisfacendo tutti i ragazzi”.

Leave a Reply

Questo sito utilizza i cookie per semplificare e migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi